Sicura sia l’abito giusto? Viaggio tra gli Atelier – Parte 20

Giugno 3, 2015

Ascoltarsi dentro. È questa la chiave della felicità per ogni futura sposa. Ne è certa Michela, titolare dell’atelier ‘Anna Spose’ di Vigonza, nel Padovano, dove ha fatto tappa il nostro viaggio tra gli atelier alla ricerca dei consigli degli esperti, per affiancarti nella scelta dell’abito per il tuo giorno più importante.

“L’abito da sposa giusto per una donna è quello che la fa stare bene, il più adatto alla sua fisicità. E noi siamo qui per loro”. Sarà il tuo cuore, quindi, a rivelarti qual è quello creato apposta per te: “Per vincere l’indecisione iniziale si può cominciare escludendo quelli con cui non ci si sente a proprio agio, non c’è feeling o i tessuti che non piacciono”, suggerisce Michela.

Errore invece da evitare, quello di farti accompagnare da troppe persone: “Il momento della scelta dell’abito è delicatissimo e molto intimo – aggiunge –. Il mio consiglio è quello di fare una scelta molto accurata e saper selezionare per bene tra coloro che conoscono meglio la futura sposa e che le vogliono bene davvero, perché in genere si tende a proiettare sugli altri le proprie aspettative, mentre il giorno delle nozze è un punto di arrivo importante e unico per ogni donna, a lungo atteso e desiderato”.

Quella di Michela è una passione di famiglia, nata grazie a sua mamma: “Mi ci sono ritrovata tra gli abiti da sposa – racconta emozionata –, ho iniziato accompagnando mia madre in questa sorta di ‘viaggio’ quando avevo 22 anni. Ero certa che sarei tornata a occuparmi solo di abbigliamento, invece sono passati 25 anni, mi sono innamorata di questo mondo fatto di emozioni: l’abito da sposa nasce dal cuore e dagli occhi, come l’amore”. Nel corso del tempo è arrivato anche l’incontro con Elisabetta Polignano: “Con lei è nato un grande amore e una grande amicizia: per Elisabetta è importantissimo stabilire innanzitutto un rapporto umano con le persone, come con le sue spose, e questo le permette di capire perfettamente anche noi, le nostre esigenze. Lo fa solo lei e, nonostante il successo, è sempre rimasta semplice e vera e anche questo fa di lei la stilista più brava”.