Uno sguardo dagli Usa: il ‘made in Italy’ fa tendenza!

Luglio 7, 2015

Pensando al tuo giorno del ‘sì’, avrai provato a immaginare come ti sentirai in abito bianco e a chiederti come riuscirai a riconoscere quello davvero tuo. Può capitare, infatti, che ciò che pensi inizialmente di desiderare non si addica a te, una volta indossato: è importante allora avere una mente più aperta possibile in fatto di look e di stile, così da essere perfettamente a tuo agio e sicura di te.

“È un punto che accomuna tutte”, racconta Mindy, nostra partner del prestigioso ‘Group 868’ di New York. Anche negli Stati Uniti si presta molta attenzione ai dettagli: “Qui da noi le future spose vogliono sentirsi innanzitutto desiderabili, così preferiscono abiti che lasciano molto scoperte le spalle e dalle scollature generose”. Ultimamente si sta anche iniziando ad apprezzare l’importanza dei tessuti: “Il pizzo è ancora un elemento di grande tendenza – spiega – e piano piano stanno scoprendo anche i diversi tipi, oltre ai classici Alencon o Chantilly. Per questo l’Italia rappresenta un’eccellenza: i tessuti made in Italy sono infatti da tutti riconosciuti come i più pregiati”.

È il caso della nostra Elisabetta Polignano: la scelta di utilizzare solo tessuti 100% italiani per le sue creazioni, fatte su misura, interamente a mano e dal design raffinato sono elementi che la rendono unica. “Va da sé sottolineare anche che l’abito ha una vestibilità migliore ed è più bello se il tessuto con cui è realizzato è di qualità”, aggiunge Mindy. Il nostro Paese, inoltre, sembra tracciare la rotta anche in fatto di stile. “Se guardiamo al mercato – continua – in generale quello americano pare procedere un anno indietro rispetto all’Europa. In America, infatti, si tende ad essere glamour, ma non all’avanguardia. Lo stile italiano invece, pur tenendo per mano la tradizione, riesce contemporaneamente a tendere in avanti l’altra”.

Tra i motivi per cui il Group 868 ha scelto gli abiti di Elisabetta Polignano per il suo importante showroom, quello di essere un brand “molto attento al gusto americano: i capi hanno una bella vestibilità e sono favolosi, il che costituisce praticamente il 50% delle ragioni della scelta da parte di una futura sposa. Elisabetta sa osare, riesce ad accostare tessuti diversi e a creare un mix armonico, mai eccessivo ma sempre conservando freschezza e leggerezza. È un equilibrio delicato e lei è perfettamente in grado di mantenerlo. Del resto, il vero segreto di un abito da sposa è quello di far sentire unica la donna che lo indossa”.