La cerimonia di nozze: il rito religioso

Aprile 8, 2016

Il cuore del tuo giorno più importante sarà il momento in cui pronuncerete il vostro ‘sì’. Se sogni da sempre di raggiungere il tuo lui davanti all’altare, varcando le navate di una cattedrale o di una piccola chiesa dall’atmosfera più intima, la scelta del rito religioso è sicuramente quella che implica un significato spirituale profondo e consapevole. È tra le prime decisioni da prendere e ti suggeriamo di farlo un annetto prima, così da verificare la disponibilità del luogo che ospiterà la vostra cerimonia e da qui decidere tutto il resto, stile del matrimonio compreso.

Regola più importante tra tutte, è quella del rispetto del posto. Che implica anche la scelta di un abito da sposa adatto, come dice sempre Elisabetta Polignano. Se il modello è troppo scollato o lascia le spalle scoperte, è bene prevedere anche un coprispalle o una stola. Il matrimonio celebrato in chiesa è tradizionalmente anche quello che evoca una romanticità più classica. Il tuo abito potrebbe fare perciò dell’eleganza e dell’equilibrio il suo punto di forza. Molto indicati, ad esempio, sono quelli della linea ‘EP Elisabetta Polignano’, sobri e molto molto raffinati.

In base allo stile della cerimonia, i vostri invitati dovranno attendere sul sagrato prima del tuo ingresso, per formare il corteo dietro di te, o accomodarsi prima che arrivi (i tuoi parenti nei banchi a sinistra, quelli del tuo lui a destra). Per quanto riguarda i testimoni, la legge prevede che debbano essere almeno due o anche quattro, tutti maggiorenni. Il loro compito sarà quello di custodire le fedi nuziali (in assenza del paggetto) e di suggellare la promessa, firmando l’atto di matrimonio assieme agli sposi per attestarne la validità legale.

Sarete poi sempre tu e il tuo futuro marito a occuparvi della scelta delle letture tratte una dall’Antico e l’altra dal Nuovo Testamento, che saranno lette da due vostri cari e poi commentate dal sacerdote durante l’omelia. Spetterà a voi anche la formula per esprimere il consenso, i formulari per la benedizione degli anelli, la benedizione nuziale, le intenzioni della preghiera dei fedeli e i canti. Così da essere tutto molto sentito e partecipato: senti già l’emozione?