Bianco, come una rinascita

maggio 9, 2017

Sposarsi una seconda volta. La prospettiva di una seconda vita che si apre, una nuova possibilità che regala emozioni intense e che l’età adulta rende più consapevoli. Questa è la storia di Maria Rosa e Renato, sposi dallo scorso 11 ottobre: “Quando ci si sposa di nuovo… È un atto di bellissimo coraggio”, dice lei con entusiasmo.

Ad accompagnarla a pronunciare il suo ‘sì’ è stato suo figlio maggiore, Federico. Accanto c’era anche sua figlia Anna, che ha fatto da damigella: “È stato un tuffo al cuore di vera emozione”, confida Maria Rosa. La cerimonia è stata celebrata nella sala consiliare del Castello di Galliate: “Sono una storica, autrice e conduttrice di documentari e avevo girato lì nell’agosto 2016 una puntata della serie tv ‘I castelli del Novarese’”. Parenti e amici sono stati poi accolti a Novara, all’‘Osteria del Laghetto’. I preparativi sono stati velocissimi, hanno richiesto infatti solo quattro mesi.

“Non abbiamo voluto regali ma abbiamo chiesto ai nostri ospiti di devolvere un’offerta libera al Convento di San Nazzaro della Costa di Novara per la mensa dei poveri, dove svolgo attività di volontariato”, racconta Maria Rosa. Bianco il colore dominante degli addobbi, come per il suo abito da sposa: “Ci tenevo moltissimo a sposarmi in bianco. Quel bianco che non avevo avuto la prima volta, perché la mia mamma era scomparsa poco prima delle nozze. Un bianco simbolo di rinascita, dopo una lunga malattia…”.

L’abito, una creazione di Elisabetta Polignano, “era una meraviglia, è stato un colpo di fulmine. L’ho scelto con mia figlia e la mamma dello sposo, la signora Piera. Davvero elegante e raffinato, caratterizzato da uno strascico arricchito da un’ulteriore coda di velo, che mi ha fatto sfilare nella sala consiliare come una principessa e che poi ho tolto al momento della festa. Ha lasciato tutti senza fiato… Compreso lo sposo!”.

(Foto di Alessandro Ambrosetti)